Rilevazione statistica sulle imprese a controllo estero residenti in Italia

L'indagine

L'indagine sulle imprese a controllo estero residenti in Italia (Inward FATS - Inward statistics on foreign affiliates), viene effettuata dal 2001 ed è orientata a misurare i fenomeni connessi all'internazionalizzazione delle imprese.
La produzione statistica orientata a misurare questi fenomeni č stata oggetto di armonizzazione da parte di Eurostat e del Consiglio europeo con l'approvazione del Regolamento CE n. 716/2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 giugno 2007 (G.U.U.E. L 171 del 29 giugno 2007). Obiettivo del Regolamento è di definire un quadro comune per la raccolta, l'elaborazione e la trasmissione ad Eurostat dei dati al fine di produrre statistiche armonizzate a livello europeo per valutare la struttura, l'attività e la competitività delle imprese controllate da soggetti non residenti nello stesso paese.
Il campo di osservazione delle statistiche Inward FATS è costituito dalle imprese e dalle unità locali (branches) residenti in Italia e sottoposte a controllo ultimo estero che risultano attive nei settori da B a N e P-Q-R-S della classificazione delle attività economiche Ateco 2007.
La lista di partenza della rilevazione è costituita da una parte censuaria per le grandi e medie imprese e da una parte campionaria per le piccole imprese (campione semplice stratificato per settore di attivitā economica).
Le informazioni sull'assetto proprietario e sul controllo estero dell'impresa sono raccolte, con periodicità biennale, dalla rilevazione che aggiorna ed integra altre informazioni già disponibili presso l'ISTAT.
La stima delle principali variabili economico-strutturali Inward FATS è effettuata a partire dall'integrazione dei risultati della rilevazione sulle imprese a controllo estero con i microdati relativi alle rilevazioni sui conti economici delle imprese (SCI e FRAME SBS integrato con la rilevazione PMI), sulla ricerca e sviluppo nelle imprese (RS1) e, limitatamente all'interscambio di merci, alle rilevazioni sul commercio con l'estero (COE).

Vi raccomandiamo di non usare le versioni di Internet Explorer inferiori alla 8 perché presentano alcuni problemi. Si pregano gli utenti di scegliere sempre l'ultima versione del browser che si intende usare.