top

C.O.R.O. - Rilevazione estimativa sulla Consistenza del bestiame: Questionario Semestrale Giugno 2017


 
La rilevazione estimativa sulla consistenza degli allevamenti ha la finalità di rilevare tempestivamente le informazioni necessarie per determinare l'andamento produttivo del settore zootecnico e per formulare previsioni. L'indagine è semestrale ed i riferimenti sono al 1º giugno ed al 1º dicembre con termine di trasmissione dei dati, rispettivamente, al 1º agosto ed al 1º febbraio. Per tale rilevazione l'Istat si avvale della collaborazione di Organi intermedi (Camere di Commercio, Uffici statistici delle Province autonome di Trento e di Bolzano) e di esperti del settore (ASL, Assessorati Agricoltura, Associazioni di categoria, Istituti Zooprofilattici, ecc.). Gli Organi intermedi hanno il compito di promuovere e coordinare i lavori della Commissione di esperti, i quali, sulla base delle informazioni disponibili in base all'applicazione della direttiva 92/102/CEE (relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali), possono stimare le informazioni da rilevare: la consistenza di capi bovini, bufalini, ovini, caprini, equini, suini e struzzi; la produzione di lana di pecora; la produzione e l'impiego del latte. I modelli di rilevazione differiscono, nelle due occasioni di indagine, in quanto il modello IST A.51.1 (riferito al 1º dicembre) rileva tutte le informazioni su indicate, mentre il modello IST A.51 (riferito al 1º giugno) rileva solo il primo dei tre punti indicati (la consistenza del bestiame). I dati richiesti terranno conto delle situazioni locali riguardanti, in particolare, l'ambiente, gli standard di produzione, l'andamento del mercato e della macellazione, gli eventi morbosi del bestiame e le prospettive del settore sia a breve che a medio termine e, per una migliore comprensione del fenomeno indagato, saranno accompagnati da brevi note esplicative degli eventi che possono aver influito, o si prevede influiranno, sul patrimonio zootecnico.